Home » Chi siamo

Chi siamo

La struttura

La struttura -  Albergo Giulia Gonzaga

L' albergo è situato nel cuore del centro storico di Sabbioneta. La struttura è rinascimentale e recentemente rinnovata.

L' atrio con la sua grande e ben fornita libreria vi catapulterà all' istante in un' atmosfera di quiete e meditazione. Gli affreschi alle pareti, le travi in legno e l' arredamento antico che ritroverete all' interno di tutta la struttura vi riporteranno indietro nel tempo facendovi assaporare il fascino dell' antico.

Oltre alla pace e al romanticismo che solo un piccolo borgo come Sabbioneta può regalare, il vostro soggiorno sarà reso indimenticabile dall' atmosfera di familiarità. L' albergo è infatti gestito dal sig. Sandro Parmiggiani, sua moglie Pinuccia e le due figlie. 

Sabbioneta

Sabbioneta -  Albergo Giulia Gonzaga

Ricca di fascino, arte e storia, Sabbioneta è stata inserita nella World Heritage List dell'Unesco nel 2008
Caratterizzata dall' eredità lasciata dalla Signoria dei Gonzaga che ne ha fatto uno dei magnifici centri del Rinascimento italiano ed europeo: Sabbioneta venne costruita ex novo, ed è considerata uno dei modelli di riferimento della città ideale proposta dall'Umanesimo.

Piccolo gioiello urbano di valore inestimabile, questa è Sabbioneta, nata dal sogno umanistico di Vespasiano Gonzaga (1531- 1591), principe illuminato e seguace di Vitruvio. Questa città ideale fu edificata dal nulla nella seconda metà del ’500, su modello delle antiche città del mondo classico. 
Vespasiano voleva farne la città dell’arte e della cultura, una sorta di piccola Roma, ma alla sua morte iniziò subito una rapida decadenza, che la spopolò lasciando comunque immutati nei secoli i suoi monumenti. 

Oggi Sabbioneta conserva pressoché intatta la struttura urbanistica, abbracciata da mura stellate e raffinati edifici rinascimentali ed ha tra i maggiori punti di interesse le porte di accesso Imperiale e della Vittoria, la Galleria degli Antichi in piazza d’Armi, il Teatro Olimpico progettato da Vincenzo Scamozzi e decorato con affreschi dei discepoli del Veronese, la chiesa di Santa Maria Assunta, il Palazzo Ducale, il Palazzo Giardino e la Sinagoga.

Il nome: Giulia Gonzaga

Il nome: Giulia Gonzaga -  Albergo Giulia Gonzaga

Nel nome della sabbia e della rena del Grande Fiume, al tramonto del XVI sec., si materializzò una città.

Oggi, per raggiungerla, si deve varcare una porta "cosmica" che, non conduce al tempo falso dei nostri orologi, ma ai ritmi del passato quando, la genialità multiforme di Vespasiano Gonzaga la pianificò, generandola da un territorio ostile... così come dalla terra fangosa germoglia lentamente un fior di loto.

Si deve però, alla lungimiranza e all' attenzione di Giulia Gonzaga, educatrice e zia paterna di Vespasiano, la scelta di insediare il nipote, nelle terre del confine lombardo-emiliano, tra nord e sud, ormai abbandonate dai suoi antenati.

Giulia...un tassello fondamentale nella vita del duca di Sabbioneta: tollerante ed intransigente insieme, trasmise al nipote un carisma spirituale e morale non comune, leggibile nel raffinato mecenatismo con cui Vespasiano operò una volta maturo. 

La bellezza di Giulia fu decantata da Ludovico Ariosto, e ancora la si può ammmirare nel ritratto di Sebastiano Del Piombo la cui iscrizione suggerisce: "...guardatala una sola volta ti renderà beato..." Giulia Gonzaga nacque nel 1513 figlia di Francesca Fieschi e di Ludovico conte di Rodigo, sposò giovanissima Vespasiano Colonna, l'anziano conte di Fondi. Alla morte del marito nel 1528 e senza figli, Giulia non si risposò